Come migliorare la strategia di blogging

29.04.15 - Posted by Elisa

strategia_di_blogging

L’inbound marketing utilizza il blogging per ottenere visibilità online, quindi aumentare il traffico al proprio sito e convertire questo traffico in contatti (lead generation ). Certo non basta pubblicare degli articoli, fare blogging significa impostare una corretta strategia mirata al raggiungimento di precisi obiettivi. Per fare ciò dobbiamo partire dalla considerazione dei seguenti elementi:

Analisi delle proprie buyer personas

Per prima cosa dobbiamo conoscere il nostro target, sapere quali sono gli obiettivi e le difficoltà che i nostri potenziali clienti incontrano quotidianamente nel loro lavoro.

La strategia di blogging deve partire dall’analisi delle nostre buyer personas poiché i contenuti del blogd ovranno essere pensati per aiutare il nostro target a raggiungere obiettivi e a risolvere difficoltà.

Definizione delle keywords di interesse

Se vogliamo che il nostro blog abbia successo, dobbiamo portare traffico ai post. Cioè dobbiamo fare in modo che la gente trovi online i nostri articoli, dobbiamo essere “visibili” sui motori di ricerca.  Per ottenere questo risultato è necessario identificare delle parole chiave specifiche che presumibilmente i nostri lettori ideali utilizzano quando compiono ricerche online. La giusta strategia di blogging punterà sulle long tail keywords, quelle cioè che presentano un ammontare di traffico non elevatissimo, ma sicuramente tipico di chi è effettivamente interessato ai nostri prodotti e servizi ed una difficoltà di posizionamento non eccessivamente elevata.

Attenzione ai titoli

Il titolo del nostro articolo può fare la differenza. Dobbiamo usare una frase che stimoli l’interesse dei nostri lettori e che prometta una soluzione alle loro difficoltà. Funzionano molto bene i titoli “how-to”… come fare questo, come raggiunegre questo obiettivo, 5 modi per, consigli utili per…. Ecc…

Utilizzo della call-to-action corretta

Ogni articolo del nostro blog deve essere un’opportunità per educare la nostra audience e incoraggiarla a passare allo stadio successivo del proprio buyer’s journey. Inserire una CTA al termine di un articolo è importante, ma fondamentale è che questa CTA sia coerente con quanto si è detto nel testo, deve cioè essere un’occasione di approfondimento dell’argomento trattato.

Ogni quanto pubblicare?

La strategia di blogging deve prendere in considerazione la frequenza di pubblicazione. Una volta alla settimana?, due?, tre volte?... più post pubblichiamo, più pagine avremo online, maggiori opportunità di essere trovati dai nostri potenziali clienti, quindi maggior traffico al sito aziendale e maggiori opportunità di conversione…. Dipende tutto dalle nostre risorse. Inoltre vale la pena espandere la possibilità che i nostri contenuti vengano letti, promuovendoli anche sui social media, su eventuali forum di settore, attraverso la newsletter.

Automattizzare dove possibile

Fare blogging richiede molto impegno, ma i risultati sono certi e rappresentano un vero e proprio investimento che si ripaga nel tempo (un post può rimanere anni in prima pagina di Google, un’ad a pagamento vi rimane finchè si paga). E’ possibile però automatizzare molte attività o utilizzare strumenti, come ad esempio il blogging tool di Hubspot perfettamente integrati con SEO e strumenti di lead generation.Il marketing automation è una preziosa risorsa per chi oggi vuole fare marketing in modo efficiente, risparmiando tempo e con la certezza di poter in ogni momento avere a disposizione i dati necessari per capire l’andamento delle campagne e calc olarne un ROI certo.

Topics: Blogging, Buyer Personas

Rhei-diamond-1.png

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

Follow Us