Content Marketing: perchè dobbiamo personalizzare il contenuto

21.01.13 - Posted by Elisa

content marketing vantaggi

Non tutti i marketers hanno impostato la loro comunicazione sull’utilizzo di contenuti studiati appositamente secondo il profilo dei destinatari delle loro offerte (content marketing).

La maggior parte sostiene che utilizzare i dati di profilazione in loro possesso per personalizzare l’esperienza online ha un alto impatto sul ROI (ritorno sugli investimenti), ma solo una piccola parte (circa il 6%) lo fa veramente.

Oltre il 60% di chi fa acquisti online si ritiene soddisfatto quando un sito web ricorda le sue preferenze perché qualsiasi ricerca o operazione risulta più semplice e veloce.

Se fai parte dell'insieme che non utilizza queste informazioni per personalizzare i contenuti di comunicazione o, se addirittura non hai mai provato ad impostare comunicazioni personalizzate, stai perdendo molti dei vantaggi che il content marketing porta alle tue azioni.

I vantaggi della personalizzazione del contenuto nelle azioni di web marketing.

1. Aumento delle conversioni

Quando il taglio del messaggio è pensato per il lettore, esso riceverà una maggiore attenzione. Chi legge lo farà con più attenzione, semplicemente perché sentirà quel contenuto particolarmente “vicino”.

Alla base delle strategie di content marketing vi è la convinzione che un contenuto generico è nemico della conversione.

Vediamo, ad esempio, dove una campagna email può essere personalizzata:

  • Oggetto: utilizzare il nome del destinatario, il nome dell’azienda o temi d’interesse caricati con tags dinamiche;
  • Testo della mail: rivolgersi al destinatario chiamandolo per nome o per il nome dell’azienda e utilizzare calls-to-actions dinamiche che facciano riferimento ad un precedente comportamento del lettore;
  • Landing page: richiamare il messaggio mandato con la mail, e, utilizzando i “campi intelligenti”, proporre la compilazione di un form dove le informazioni che il lettore aveva dato precedentemente, essendo ricordate dal sistema, non vengono nuovamente chieste;
  • Thanks Mail : ringraziare il cliente per la conversione e proporre nuove azioni profilate in base al suo comportamento.

2. Rendere la conversione più semplice

Ogni step diretto a semplificare il processo di conversione, porterà ad un aumento del tasso di conversione stesso, qualunque sia lo scopo (aumento delle leads, download di un ebook, iscrizione ad un webinar, ecc). Ecco perché su Amazon si può acquistare con un click.
“Ricordare” i comportamenti, le preferenze, le informazioni di una lead così da chiederle di inserire nei forms solo le informazioni che ancora non ha dato, renderà più semplice, più veloce e persino più piacevole il processo di conversione.

3. Meno mails portano più clienti

Prima che i marketers incominciassero a segmentare e targhettizzare, le email erano semplicemente una questione di numeri. Le aziende mandavano mail generiche ad ogni nominativo di una lista, ripetendo il gioco più e più volte fino a quando l’obiettivo di reddito non veniva centrato. Oggi il content marketing si applica anche alle campagne email dove la rilevanza del contenuto è divenuta fondamentale, tutte le informazioni raccolte vengono studiate ai fini della targhettizzazione del messaggio, anche l’orario e il giorno di invio non sono più casuali.

4. Creare un pubblico appassionato

Ognuno di noi è appassionato di qualcosa, e quando si ha una passione si è piuttosto specifici su quali particolarità ci piacciono. Utilizzando gli strumenti di marketing automation puoi creare livelli di personalizzazione che possono entusiasmare il lettore, senza per questo lavorare su grande scala.

5. Migliorare il lead nurturing

Il carburante del lead nurturing è il contenuto. Quando sei in grado di personalizzare il contenuto dei tuoi messaggi secondo gli interessi ed i comportamenti dei destinatari, riuscirai ad impostare con essi un rapporto più stretto e le tue leads si convertiranno in leads qualificate. Ricorda che la personalizzazione non va fatta solo in base agli argomenti, ma anche in base alla posizione della lead nel funnel di vendita. Ad esempio, puoi utilizzare contenuti generali per i contatti che si posizionano all’inizio del funnel e contenuti centrati su specifiche di prodotto per le leads posizionate verso la fine del funnel di vendita.

6. Migliorare le chiamate commerciali.

Tutte le informazioni che utilizzi per personalizzare i tuoi contenuti vengono da qualche meandro del tuo database… e sicuramente al tuo team di vendita piacerebbe metterci le mani per poter personalizzare le loro telefonate. Quindi non solo andrebbero creati contenuti di aiuto al team vendita (sales enablement content), ma dovresti condividere con loro il sistema di lead intelligence per aiutarli nella comunicazione.

7. Mantenere aggiornato il website

Chi ritorna su un sito solo per rivedere più volte la stessa offerta, probabilmente non è molto convinto. La personalizzazione attraverso contenuti dinamici, può però mostrare elementi nuovi ai visitatori ogni volta che ritornano sul sito. Elementi non solo nuovi ma rilevanti per i loro interessi! Segmentando i tuoi listati potrai presentare contenuti che:

  • interesseranno i visitatoti;
  • che sono allineati secondo la posizione che occupano nel ciclo di vendita;
  • che spingono le leads più in basso nel funnel di vendita.

8. Dare il benvenuto ai nuovi arrivati

Personalizzare i contenuti non è solo utile per far crescere le proprie leads (lead nurturing), aiuta anche a dare il benvenuto ai nuovi arrivati tra il tuo pubblico. Crea un programma di mail di benvenuto ad esempio. Puoi partire più deciso con le nuove sottoscrizioni mostrando loro fin dall’inizio che hai dei contenuti rilevanti per i loro interessi e bisogni. La personalizzazione può basarsi sulla prima offerta che i nuovi visitatori convertono, sulla campagna che ha portato la loro risposta, o anche solamente sulla pagina che hanno visititato sul tuo sito.

9. Crea un marketing che piace alla gente

Le tecniche di personalizzazione permettono di dare la giusta informazione alle persone giuste, nel momento giusto. Sia l’informazione un contenuto mail , una nuova offerta o un post in un blog. Il marketing generico fa sentire la gente sotto assedio, il marketing di contenuto li fa sentire capiti e seguiti.

Differenzia la tua azienda dalle altre mostrandola disponibile ad ascoltare leads e clienti e a fornire le informazioni che vengono richieste.

About Rhei

Rhei è un'agenzia di Inbound Marketing partner di HubSpot in Italia. Se necessiti aiuto per implementare o migliorare il tuo content marketing richiedi la nostra consulenza gratuita di inbound marketing.
Articolo estratto da HubSpot - Blog

Topics: Web Marketing, Blogging, Content Marketing, Inbound Marketing

PantaRhei HubSpot Platinum Certified Partner Italia

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

Follow Us