Come e perchè la content strategy può fa crescere la brand reputation

12.12.16 - Posted by Roberta

brand reputation-content strategy.jpg

Ci sono aziende che offrono prodotti e servizi d’eccellenza ed anche a prezzi decisamente competitivi ma che non riescono ad emergere sul mercato. Perchè?

Perchè le loro strategie di marketing continuano a seguire gli schemi tradizionali della comunicazione prodotto centrica. Nelle loro email, nel blog, sul sito aziendale comunicano ancora in maniera auto referenziale: mettono in evidenza le caratteristiche del loro prodotto, la sua unicità, il prezzo allettante. Usano ancora la carta stampata, i volantini, gli spot pubblicitari.

Non funziona, o meglio, non funziona più.

Le aziende devono oggi posizionarsi per qualcosa che va oltre il prodotto o servizio che offrono, solo così la loro brand reputation potrà emergere nell’immensa concorrenza del mercato globale.

Come fare?

Partiamo dalla considerazione che l’aspetto che ha drasticamente cambiato il modo di fare acquisti è l’aumento delle ricerche in rete. Oggi le decisioni d’acquisto nascono e maturano online.

Qui il consumatore trova un’infinità di informazioni alle quali può attingere per scegliere cosa è meglio per le sue necessità.

Questo significa che:

  • i nostri contenuti devono essere li, davanti al nostro pubblico, durante il periodo di raccolta di informazioni;
  • il nostro sito deve offrire una user experience di alto livello;
  • dobbiamo essere capaci di creare engagement;
  • dobbiamo conoscere e dar risposta alle domande del nostro pubblico;
  • dobbiamo assisterlo durante tutto il processo decisionale e anche dopo l’acquisto.

Per ottenere i risultati di cui sopra, le strategie di marketing devono oggi occuparsi di contenuto e farlo in modo strategico. Non basta scrivere un articolo sul blog, pubblicare video sui social o inviare newsletter, bisogna farlo avendo studiato una seria content strategy.

Di cosa si deve occupare la content strategy?

  • Dello studio delle buyer persona e della mappatura del loro buyer’s journey per creare contenuti capaci di rispondere alle esigenze del proprio target e capaci di raggiungerlo nel momento giusto e sul canale giusto;
  • deve saper distribuire i contenuti attraverso processi efficienti capaci di offrire una buona user experience per attrarre nuovi contatti, acquisire nuovi clienti e mantener vivo l’engagement ad acquisto fatto;
  • deve saper fissare Kpi e produrre dati per misurare le sue performance e il suo ROI.

Quali contenuti deve utilizzare la content strategy?

Di quanto il nostro prodotto sia bello, unico ed efficiente non interessa a nessuno. La gente vuol sentire parlare dei suoi problemi e capire come risolverli. E’ di questo che i nostri contenuti devono parlare: delle sfide, delle necessità, dei bisogni di ciascuna delle nostre buyer persona. Non serve menzionare i nostri prodotti. Dobbiamo educare, offrire contenuti di valore, per i quali il nostro target si possa domandare “tutto questo gratis?” . Dobbiamo raccontare storie coinvolgenti di come un problema è stato superato. E’ questo che fonda e distingue la nostra brand reputation, è questo che fa la differenza. Contenuti studiati per ciascun profilo delle nostre buyer persona e non generici “one-fits-all”. E’ questo che cerca la gente, è questo che da credibilità ad un brand e influenza la decisione d'acquisto.

La content strategy deve focalizzarsi sulla distribuzione di valore attraverso i contenuti, valore separato e distinto dai nostri prodotti e servizi.

E' questo l'elemento che renderà migliore l’esperienza del nostro target e aggiungerà qualcosa di positivo alla percezione della nostra brand reputation.

 

 

 

 

Topics: Strategie, Content Marketing

PantaRhei HubSpot Platinum Certified Partner Italia

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

Follow Us