Fissare gli obiettivi di marketing seguendo la regola SMART

14.10.14 - Posted by Graziano

marketing_goals

Prima di iniziare a pianificare la nostra campagna dobbiamo domandarci quali obiettivi di marketing vogliamo raggiungere con i nostri sforzi. Sembra banale ma molto spesso ci siamo resi conto che in realtà non si pone la giusta attenzione a questo che invece è un momento cruciale nello stabilire il successo del nostro lavoro di marketers.  

Per la metodologia inbound gli obiettivi di marketing sono fondamentali e devono attenersi alla “regola” SMART

cioè devono essere:

S= Specific:  non basta dire “voglio più traffico al mio sito”, i marketing goals devono contenere numeri reali e una deadline.

M=Measurable: dobbiamo essere in grado di tracciare il nostro cammino verso il raggiungimento dell’obiettivo, esso deve essere misurabile, l’inbound marketing non accetta goals vaghi come "brand engagement" o "social influence", piuttosto farà lo sforzo di dedicare tempo a cercare di capire in che cosa di concreto si possono tradurre queste “buzz-words”.

A= Attainable: gli obiettivi devono essere attendibili, legati a dei benchmarks

R=Relevant: legati ad un obiettivo generale

T=Timebound: è necessario fissare dei milestones che dettino tempi certi per il raggiungimento dei nostril obiettivi.

Un esempio di obiettivo di marketing inbound (SMART):

Aumentare le visite del 50% (da 1.000 al mese a 1.500 al mese) per il lancio del nuovo prodotto X entro il 30 marzo 2015

Specifico: le visite

Misurabile : 50% da 1000 a 1500

Attendibile: basato su benchmarks storici per l’azienda

Rilevante: lancio nuovo prodotto

Timebound: 30 marzo 2015

Un altro elemento che gioca un ruolo fondamentale nel fissare i marketing goals è conoscere il proprio target, quelle che la metodologia inbound definisce “Buyer Personas”.

L’inbound marketing si basa sulla strategia di contenuto: contenuto di qualità che attrae i possibili clienti verso la nostra azienda e i nostri prodotti/servizi. Allineando le informazioni che pubblichiamo online con gli interessi del nostro target, attraiamo in modo naturale al nostro sito web quel traffico inbound rilevante, cioè effettivamente interessato alla nostra azienda (non traffico casuale) che convertirà, diventerà cliente e rimarrà a noi fedele nel tempo. Quindi qualunque contenuto che andremo a creare, sia esso un ebook, una landing page, un articolo del blog aziendale  o un email, deve essere pensato per soddisfare le esigenze di un target specifico, le buyer personas della nostra azienda cioè i profili dei nostri clienti ideali, rappresentazioni fittizie basate su dati reali e personali (età, titolo di studio, sesso, classe sociale, stato sociale,  interessi, motivazioni, preoccupazioni, ecc…)  e dei comportamenti online.

Gli obiettivi di marketing non possono poi prescindere dalla coscienza dei potenziali ostacoli che potrenno intralciare il nostro cammino. La metodologia Inbound Marketing prevede anche un’analisi delle difficoltà che potrebbero presentarsi e delle strategie da mettere in campo per superarle così da  evitare il più possibile di trovarsi impreparati davanti ad esse.

 

Topics: Inbound Marketing

Rhei-diamond-1.png

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

I posts più recenti

Follow Us