Come utilizzare HubSpot 3 per convertire i visitatori in clienti (*)

18.04.13 - Posted by Graziano

hubspot metodologiaImpostare il marketing utilizzando la metodologia inbound HubSpot, significa identificare tutti i processi, impostare tutti gli strumenti e fornire tutte le risposte che accompagnano un nuovo visitatore nel suo processo di conversione a cliente. L'inbound marketing ha bisogno di strumenti e applicazioni che aiutano il marketer a creare e distribuire contenuti pensati per consegnare al momento giusto, il giusto contenuto alla persona che in quel momento lo necessita.

Per chi, come Rhei, ritiene l'inbound marketing l'asse centrale della sua metodologia per entrare in contatto con i potenziali clienti nel momento più adeguato, la piattaforma HubSpot diventa il centro operativo per coordinare la "marketing machine" che ci permette di essere effettivi ed utili ai nostri clienti.

Ma quali sono effettivamente le fasi dove HubSpot diventa un tool eccezionale che ci permette di ottenere vantaggi evidenti dalla metodologia marketing inbound?

Farsi trovare / Attrarre i potenziali clienti con HubSpot.

Non ci interessa creare traffico generico verso il nostro sito , ci interessa attirare le persone che sono in qualche modo interessate alla nostra attività, ai nostri prodotti e alla nostra offerta di servizi: in altre parole dobbiamo farci trovare dalle persone giuste creando un flusso di traffico qualificato in direzione del nostro website.

Per farlo in modo ottimale e continuato, dobbiamo partire identificando chi sono i nostri clienti ideali, le loro necessità, le domande che si pongono, i problemi che devono risolvere e conseguentemente cosa maggiormente potrebbe essere di loro interesse. Attorno a questi dati dobbiamo costruire tutto il nucleo della nostra attività pensata per attrarre traffico qualificato.

Gli strumenti che HubSpot ci mette a disposizione integrano le principali attività con le quali raggiungiamo questo obiettivo.

Ovvero ci assistono:

  • nell'attività di blogging, dove rispondiamo con i contenuti adeguati alle esigenze dei clienti;
  • nelle attività SEO, monitorando costantemente i nostri risultati sui motori e le keywords che riteniamo utili;
  • nell'integrazione in un unico database dei contatti che nascono dai canali abituali e dai canali social media.

Convertire il traffico in contatti / Generare leads qualificate con HubSpot

Ottenere traffico qualificato è il primo passo, spesso il meno complesso. Una volta che i visitatori sono arrivati al sito è necessario convertirli in contatti: dobbiamo aprire un dialogo personale con ognuno di loro, per soddisfare le loro necessità. Per convincere i visitatori a fornirci i loro dati di contatto, dobbiamo proporre qualcosa di utile che sia un buon punto di partenza per ottenere la loro attenzione e che ci dia spazio per creare una prima opportunità per essere in qualche modo utili per le loro esigenze.

Ogni settore e attività può trovare decine di argomenti e differenti media dove canalizzare i contenuti ideali per ottenere un primo contatto con i propri clienti.

Anche in questo caso HubSpot diventa il fulcro della gestione quotidiana del dipartimento di marketing online.

Con questo tool possiamo gestire:

Il core del sistema rimane il marketing database, disegnato per concentrare tutte le informazioni procedenti da differenti canali e per mantenere flessibilità e capacità di adattamento alle differenti esigenze. Insomma uno strumento perfetto per l’attività del marketer che senza essere un informatico, vuole poter veramente ottenere delle informazioni utili dai flussi dati in entrata.

Generare opportunità / Trasformare le lead in potenziali clienti con HubSpot

Abbiamo un flusso di traffico consistente e otteniamo contatti qualificati. Non ci resta che perseverare e trovare il modo di mantenere il rapporto con il contatto per essere presenti nel momento opportuno, quando esso diverrà un potenziale cliente. Detto in questo modo sembra qualcosa di ovvio, ma non lo è quando seguiamo contemporaneamente centinaia o migliaia di contatti che raggiungono la loro fase “calda” di tanto in tanto, magari periodicamente a distanza di mesi o anni. Molte aziende si affidano alla costanza del dipartimento commerciale, altre martellano costantemente i potenziali clienti con la speranza di ottenere qualche risultato.

Un esempio che spesso riporto è dato dal settore auto per il target privato: un ciclo di riacquisto medio di 6-7 anni dove solamente i 3 mesi precedenti al riacquisto sono significativi e meritano l’attenzione del venditore. Un concessionario auto che investe in marketing automation e metodologia inbound incrementa, crisi permettendo, tra il 5% e il 15% il suo fatturato.

HubSpot mi offre tutto il necessario per monitorare ogni contatto:

Come summit, un metodo di valutazione della potenzialità che mi avvisa quando si generano le condizioni ideali per “staccare il pilota automatico” e passare a una gestione classica dove spesso interviene il commerciale a riprende in mano la situazione, agendo però a questo punto su contatti che sono già entrati nella fase ottimale del ciclo di vendita e, soprattutto, che da tempo hanno apprezzato la nostra azienda per la sua utilità, costanza, qualità del servizio e discrezione della sua comunicazione.

Continuare a comunicare durante il ciclo di vita del cliente / Fare apprezzare la nostra azienda.

L'inbound marketing non termina con la vendita, la sua utilità si estende lungo tutto il ciclo di vita della relazione con il cliente.

A parte un ritorno tangibile creato dalle opportunità di up-selling e cross-selling, l’obiettivo è quello di offrire un servizio eccellente, generare soddisfazione e far si che i clienti diventino promotori della nostra azienda, dei nostri prodotti e dei nostri servizi.

Gli stessi strumenti usati nelle fasi precedenti e una raffinata integrazione con la maggior parte dei CRM, ci permettono di continuare a “fare” marketing inbound, ovvero generare contenuti utili e consegnarli nel momento più appropriato anche ai nostri clienti, che adesso conosciamo meglio e per i quali possiamo generare veramente dei servizi one-to-one anche con il marketing.

Call-to –action reattive, servizi di supporto in tempo reale e invio di contenuti basati su piani di contatto che reagiscono alle diverse interazioni sul sito, sui social media o conseguenti alle nostre comunicazioni, possono rafforzare dopo la vendita l’immagine del nostro brand e creare le condizioni ideali di “engagement” che portano a relazioni commerciali di lunga durata e alla creazione di nuove opportunità di business.

(Contenuto originale HubSpot)
(*) HubSpot 3 è un trademark di HUBSPOT INC
Rhei

Rhei è un’agenzia di Inbound Marketing partner di HubSpot in Italia. Se necessiti aiuto per implementare una metodologia di inbound marketing della tua azienda e vuoi maggiori informazioni relative alle caratteristiche della piattaforma HubSpot 3 richiedi la nostra consulenza gratuita.

Topics: Social Media, HubSpot, Marketing Automation, Inbound Marketing, Lead Generation, Landing Pages

PantaRhei HubSpot Platinum Certified Partner Italia

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

Follow Us