Marketing su Facebook: oggi scompare il “like-gating”

05.11.14 - Posted by Elisa

marketing_su_Facebook

Sappiamo tutti cos’è il “like-gating”? Pensato come strumento di marketing su Facebook, si tratta di un’applicazione lanciata nel 2010  che permette alle aziende di forzare le persone a rilasciare un “like” per poter accedere ad un contenuto altrimenti nascosto. Lo scopo ovviamente era quello di far crescere il numero dei fans di una pagina aziendale: si richiedeva un like ad esempio per ottenere un coupon, per connettersi alla rete wi-fi di uno store, ecc…

Oggi, 5 novembre 2014, come già annunciato nello scorso agosto, il "like-gating" non sarà più uno strumento per fare marketing su Facebook.

Nell’annuncio si legge che l’obiettivo è obbligare le aziende a smettere di incentivare le persone ad utilizzare social plugins o spingerle a cliccare “mi piace” sulle loro pagine aziendali.

La ragione ufficiale per l’eliminazione del like-gating, è che il social network vuole assicurare ai propri users la qualità delle relazioni che nascono e si sviluppano sulla propria piattaforma e spingere le aziende ad entrare in contatto solo con il proprio vero target, chi cioè è effettivamente è interessato a quel determinato brand.

Facebook vuole insomma che se una persona dice che una fan page gli piace, lo faccia perché effettivamente “likes” quell’azienda e non perché spinto da incentivi “artificiali”. Ovviamente resta il dubbio se questo cambio di politica non voglia in realtà incentivare l’uso della pubblicità a pagamento sul proprio social network, ma comunque la possiamo leggere come un tentativo di arginare il fenomeno dei finti likes e dei likes a pagamento.

Fino a ieri se un’azienda voleva fare marketing su Facebook utilizzando una “like-gated campaign”, doveva utilizzare un’applicazione di una terza parte (installare una page Tab) . FB quindi autorizzava l’app a “leggere” se uno user aveva o meno dato il suo “like” alla pagina , in questo modo le aziende potevano “nascondere” il loro contenuto agli utenti che non avevano cliccato “mi piace”.

Da oggi questa possibilità è stata rimossa, quindi nessuna applicazione potrà più sapere se ad un iscritto a Facebook una pagina aziendale piace o meno. Le campagne che ad oggi sono attive smetteranno di funzionare, quindi se qualcuno ha un like gating attivo conviene al più presto eliminare tutti i contenuti che vi fanno riferimento, solo per evitare che un visitatore clicchi dove dite “metti un like alla nostra pagina per vedere…” e poi non succeda niente. Non sarebbe una bella user experience!

Noi, come marketers inbound non siamo affatto dispiaciuti di questo cambio di direzione di Facebook.  Consideriamo i “likes” come una metrica di poco conto, pura vanità. Quello che per noi è importante è utilizzare i social media per promuovere i propri contenuti, fare lead generation  e costruire engagement con il proprio pubblico.

Insomma vogliamo numeri, concretezza, vogliamo misurare un ROI. Dal nostro punto di vista, solo in questo senso vale la pena studiare una strategia di marketing su Facebook, investire tempo e risorse.

 

Topics: Social Media, Digital Engagement, Facebook

Rhei-diamond-1.png

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

I posts più recenti

Follow Us