Social Media Marketing: scopri come vendere con i social media

09.03.15 - Posted by Roberta

Social-Media-Marketing

Le aziende riflettono ormai da tempo su quale senso dare alla loro presenza sulle reti sociali e su come impostare una vera campagna di social media marketing. I social media  sono lo spazio giusto per fare pubbliche relazioni, per fare branding, per monitorare l’online reputation dell’azenda, per promuovere i propri eventi, per creare engagement con i propri fans, per individuare e far crescere i propri “evangelisti”, … meno per vendere.

Ci sono però alcuni accorgimenti che ci possono aiutare a trasformare le nostre campagne di social media media marketing in strumenti di vendita o perlomeno in “sales acceleration tools”.

Impostare alerts e monitoraggio

è possibile utilizzare tools che inviano notifiche quando sulle reti sociali hanno luogo delle conversazioni di argomento rilevante per la nostra azienda. Ad esempio i social media tools che HubSpot mette a disposizione permettono di monitorare cosa si dice in rete sulle keywords di nostro interesse.

Parlare inbound

il tono delle campagne di social media marketing deve essere decisamente differente da quello delle campagne marketing trazionali (outbound). Sui social media dobbiamo cercare di ottenere la fiducia e la stima dei nostri possibili clienti. Sono le loro necessità, le loro sfide, i loro problemi che devono essere messe al centro delle conversazioni online. I nostri contenuti devono posizionare l’azienda come esperto del settore in cui opera, e le voci aziendali che scrivono sui social non devono spingere la vendita ma assumere il profilo del consulente esperto. Sui social media dobbiamo offrire la nostra esperienza. Questa è sicuramente la strada migliore per creare un pubblico di fans attenti, per diventare un punto di riferimento e quindi il primo probabile interlocutore nel momento della decisione d’acquisto.

Social media intelligence nelle telefonate dei sales

prima di chiamare al telefono una lead, i sales dovrebbero assicurarsi di conoscere cosa questa persona posta su siti come Facebook, Twitter e soprattutto Linkedin. Social Inbox di Hubspot permette di conoscere la storia delle interazioni che ogni contatto ha avuto con i canali sociali della nostra azienda e questo permetterà di rendere più personali e meno “fredde” le chiamate del sales team. Inoltre questo tool può inviare alerts quando un contatto nomina un nostro competitors o quando un nostro cliente posta una domanda di aiuto in modo che possiamo esser certi che le esigenze dei nostri clienti siano sempre soddisfatte.

Integrare i canali di marketing

nelle strategie aziendali il social media marketing si sviluppa spesso come canale a se stante, non integrato con gli altri canali di marketing. Dal lato del cliente questa separazione porta inevitabilmente ad un’esperienza fragmentata. Le interazioni che i nostri contatti hanno sulle pagine aziendali dovrebbero invece essere parte della timeline dei contatti che una lead ha con la nostra azienda: da qualunque canale arrivi una domanda o una risposta di un prospect, è necessario che il nostro marketing e i nostri sales ne siano informati mantenendo sempre una visione d’insieme del percorso che il potenziale cliente sta percorrendo: quali pagine del nostro sito il contatto ha visitato? Da quale canale ci è giunto? Quale post pubblicato su Twitter, Facebook, Linkedin o Google+ ha cliccato o commentato? Quali email ha aperto?, ecc…

Per far si che una campagna di social media marketing contribuisca realmente a far crescere le vendite è necessario che essa sia totalmente integrata con tutti i canali marketing.

Ottimizzare per i mobiles

gli smartphones si avviano a diventare lo strumento più usato per accedere alle piattaforme social media. Qui ritorna il tema della user experience che vogliamo offrire ai nostri potenziali clienti. Mentre la condivisione di un post su Facebook o la lettura di un commento su Linkedin si possono agevolmente fare da uno smartphone o da un tablet, cosa accade quando il contatto clicca su un link che dalla nostra pagina Facebook lo rimanda al nostro website? Potrà leggere il contenuto? Potrà cliccare sulle calls-to-action presenti sulle pagine del nostro sito? Potrà compilare i nostri forms?

Avere un sito mobile friendly è oggi un must per le aziende che vogliono sfruttare le grandi possibilità che una buona strategia di marketing digitale offre quando declinata secondo la metodologia e l’utilizzo degli strumenti che l’Inbound Marketing mette a disposizione.

 

Topics: Social Media, Business Intelligence

PantaRhei HubSpot Platinum Certified Partner Italia

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

Follow Us