Strategie di marketing: 4 errori risolti con l’inbound

01.07.15 - Posted by Graziano

strategie-marketing

Quattro sono le sfide che chi fa marketing online si trova oggi a gestire: i social media, l’email marketing, la produzione dei contenuti e la gestione delle lead-ossia il lead nurturing. L'inbound marketing affronta nei dettagli tutti questi temi considerandoli non come diverse strategie di marketing ma piuttosto come diversi motori che lavorano in sinergia ad un’unica strategia che vuole portare l’azienda a sfruttare nel modo più proficuo e scalabile le grandi possibilità offerte dai canali del mondo digitale.

Quando gli obiettivi delle startegie di marketing non vengono raggiunti, generalmente si rilevano alla base errori comuni e ricorrenti che l’applicazione della metodologia, della strategia e dei tool dell’ Inbound Marketing riescono invece a risolvere. 

1. Social media

Spesso, i marketer che si occupano di social media, cercano di pubblicare sul numero maggiore possibile di piattaforme sociali e monitorano solo quei contatti che hanno in qualche momento menzionato l’azienda o i suoi prodotti. Purtroppo questa strategia porta a ben pochi risultati. Tra le molteplici strategie di marketing pensante per i social media, l’inbound propone di focalizzare i propri sforzi sulle necessità e gli interessi espressi dalla propria audience cercando nel tempo di costruire attorno a se una comunità di promoter e di espandere il proprio reach. Per far ciò è necessario da un lato sviluppare una metodologia che coinvolga i propri followers offrendo contenuti di qualità in linea con i loro effettivi interessi piuttosto che con la promozione dell’offerta aziendale e, dall’altro, imparare ad indentificare i dati utili ad informare e migliorare le nostre strategie.

2. Email marketing

Sappiamo che il database dei nostri contatti ogni anno perde circa il 22% dei propri nominativi. Questo accade perché le persone cambiano posizione aziendale, cambiano indirizzo email, o si disiscrivono dalla nostra mailing list. Di conseguenza diventa fondamentale integrare il proprio email marketing in una più ampia strategia inbound capace di generare un flusso costante di nuove lead.

3. Strategia dei contenuti

Chi si occupa di strategie di marketing conosce la regola numero uno dell’inbound: creare contenuto di valore. Vediamo i marketer dedicare parecchio tempo alla creazione di ebook, brochure, video, scrivere articoli per il blog, ecc.. ecc.. ma quello che spesso manca è la definizione di una strategia multi canale, l’unica capace di portare risultati concreti.

4. Lead nurturing, non newsletter

La newsletter è un modo semplice per mantenere aggiornate le nostre lead sull’azienda, i suoi prodotti, il settore, gli eventi, ecc.. ma il lead nurturing è un’altra cosa. L’inbound marketing pone molta attenzione al lead nurturing perché è attraverso questa fase che riusciamo ad avvicinare le lead entrate nel nostro database alla decisione d’acquisto. E’ una tappa fondamentale del buyer’s journey che prevede la creazione di un workflow di email che utilizza contenuto altamento targhettizzato secondo il profilo del ricevente.

Topics: Strategie, Inbound Marketing

PantaRhei HubSpot Platinum Certified Partner Italia

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email

Follow Us